Bologna Via del lavoro, 2 Minerbio 40061

Risparmio Totale con Ecobonus 110%

Il testo del Decreto Rilancio è approdato in "Gazzetta Ufficiale" il 19 maggio 2020. Questa maxi manovra ha l'ambito compito di contrastare la crisi economica generata della pandemia di Coronavirus.

Rilevante, in particolare, è il pacchetto relativo alle novità fiscali. Oltre alla proroga dei versamenti fiscali, e al taglio "una tantum" del saldo e dell'acconto Irap, è stato introdotto un sistema di Ecobonus con detrazione del 110%.

Grazie a un doppio meccanismo (sconto in fattura e cessione del credito), ai contribuenti è stata data l'opportunità di eseguire lavori di ristrutturazione vedendosi rimborsare l'intero importo sostenuto.

Le misure sono state confermate attraverso la legge di conversione del decreto, datata 16 luglio. In quell'occasione, nei confronti dell'edilizia popolare il Superbonus è stato esteso fino al 2022. I contribuenti si sono anche visti riconoscere la possibilità di fruire della misura non solo per una, ma per due abitazioni diverse.

https://www.strategierinnovabili.it/wp-content/uploads/2021/05/02-Impianti-Strategie-Rinnovabili-470x510.jpg

In cosa consiste l’Ecobonus 110%?

Il termine Ecobonus fa riferimento alle agevolazioni che lo Stato riconosce ai proprietari di immobili desiderosi di effettuare lavori sull'edificio. Ma di quali lavori si tratta? Prima del Decreto Rilancio, a tipologie di lavoro differenti corrispondevano detrazioni diverse: nessuna di esse presentava una percentuale pari o superiore a quanto riconosciuto dal nuovo decreto.

Quali lavori e acquisti possono essere detratti?

Le detrazioni indicate nel Decreto Rilancio per l'Ecobonus 2020 hanno ad oggetto le spese sostenute a partire dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre del 2021. Nello specifico, il bonus del 110% fa riferimento ai lavori di riqualificazione energetica e quelli aventi per oggetto opere di adeguamento antisismico.

Detrazione al 50% o 65%

Sostituendo una caldaia i proprietari di un immobile possono richiedere l'Ecobonus; ad ogni modo, occorre considerare come il semplice miglioramento energetico non sia sufficiente per ottenerlo. Occorrerà, infatti, cambiare la caldaia esistente con un modello a biomassa, o con una caldaia a condensazione in classe A o superiore. In tal caso, l'ecobonus riconosce una detrazione pari al 50%.

Qualora si inseriscano sistemi di termoregolazione evoluti, la percentuale raggiunge il 65%. Queste detrazioni vengono applicate anche per la sostituzione degli infissi e della pompa di calore.

Superbonus 110%

Entrando nel merito del Superbonus, la misura ha ad oggetto interventi di coibentazione, lavori di domotica e installazione di pannelli solari o fotovoltaici.

Sulla base della nuova normativa, l'isolamento termico deve riguardare almeno il 25% della superficie d'intonaco, nei limiti di una spesa massima di 60.000 euro per singola unità immobiliare. È opportuno indicare come il tetto massimo di spesa sia di 30.000 euro. Tale valore fa riferimento agli interventi sulle parti comuni dei condomini e alle abitazioni unifamiliari (intese come case singole).

Come ricordato precedentemente, la detrazione è stata estesa agli interventi sulle seconde case. In principio, ad usufruirne potevano essere solo le abitazioni unifamiliari. La successiva legge di conversione del DL Rilancio ha poi incluso anche le plurifamiliari. È applicabile, infine, anche su richiesta delle ONLUS.

Le novità del Decreto Rilancio

Il Decreto Rilancio ha rappresentato un'importante novità in diversi ambiti, compreso quello edilizio. Il nuovo bonus si è andato ad aggiungere agli incentivi già previsti per la riduzione del rischio sismico, al Sismabonus, alla riqualificazione energetica degli edifici e all'Ecobonus.

La detrazione fiscale del 110% del Superbonus ristrutturazioni ha permesso, e lo consente tuttora, di ottenere un rimborso totale delle spese. Queste devono essere indirizzate al miglioramento dell'efficienza energetica, destinate a interventi antisismici o, ancora, collegate alla realizzazione di infrastrutture destinate alla ricarica dei veicoli elettrici direttamente negli edifici.

Come richiedere l’Ecobonus

Prima di richiedere il Superbonus il proprietario di un immobile dovrà scegliere se sostenere direttamente le spese o, in alternativa, optare per uno sconto totale (ovviamente fino a un massimo del 100%) dell'importo indicato in fattura.

Nel primo caso si vedrà riconoscere la prevista detrazione del 110%; nel secondo, invece, sarà l'impresa coinvolta nei lavori a godere di un credito d'imposta del 110% sullo sconto praticato al cliente. Il credito d'imposta è cedibile a terzi, inclusi istituti bancari e intermediari finanziari.

Occorrerà anche tenere conto della tipologia di intervento al fine di richiedere al comune i documenti ed eventuali autorizzazioni. Per ottenere la certificazione del miglioramento delle classi energetiche, il tecnico che ha eseguito i lavori compilerà l'APE, sia prima di procedere con i lavori, sia alla loro conclusione. L'APE garantirà che l'edificio sia effettivamente migliorato di almeno 2 classi energetiche o, comunque, che abbia ottenuto la classe energetica più alta possibile.

La richiesta della detrazione da parte dei contribuenti è inoltrabile online attraverso il sito istituzionale dell'Agenzia ENEA. Registratosi al sito, il richiedente sarà tenuto a inserire i dati anagrafici del beneficiario della detrazione, oltre a quelli dell'immobile interessato. Compilati gli allegati previsti, e verificato il corretto inserimento delle informazioni, la dichiarazione potrà essere inviata.

L'argomento Superbonus non è di semplice assimilazione, in quanto soggetto a diverse modifiche e integrazioni. Per poter usufruire della misura, tuttavia, è necessario essere sempre informati in merito alle ultime novità in materia. Da anni attiva nel settore idraulico, e specializzata nella riqualificazione energetica, Strategie Rinnovabili è pronta a fornire una consulenza professionale e consigli sull’installazione di impianti fotovoltaici e solari!

 

SCOPRI SUBITO QUANTO PUOI RISPARMIARE

Con il nostro tool online, scopri immediatamente quanto puoi migliorare l'efficienza energetica dopo il nostro intervento!